DIARREA? NON FARTI FERMARE - Parafarmacia Galleazzo
17013
post-template-default,single,single-post,postid-17013,single-format-standard,theme-bridge,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

DIARREA? NON FARTI FERMARE

DIARREA? NON FARTI FERMARE

La diarrea è un disturbo che può interessare adulti e bambini e può presentarsi in qualsiasi momento dell’anno, costringendo la persona colpita dal disturbo a restare a casa per alcuni giorni e influendo negativamente sulla quotidianità.

Quali sono le cause che possono portare a questo fastidioso problema? Le cause principali si dividono in due gruppi: il primo è quello che comprende patogeni come virus, batteri o altri parassiti per cui la diarrea è un fenomeno di difesa del corpo, mentre il secondo gruppo comprende tutte quelle condizioni di stress, nervosismo, ansia, paura, alimentazione, sbalzi termici e intolleranze alimentari che, se persistenti, possono portare a diarrea.

Solitamente questo fenomeno è accompagnato da dolori addominali, infiammazione delle mucose intestinali, crampi e quindi disbiosi.

Le principali conseguenze della diarrea sono la disidratazione e scompensi elettrolitici per la perdita eccessiva di acqua e sali minerali, e possibili complicanze se vengono assunti farmaci che vanno a bloccare le scariche diarroiche senza combattere la causa delle scariche stesse.

La diarrea microbica è causata principalmente da virus nei mesi freddi, batteri nei mesi caldi. Entrambi i patogeni producono dei microrganismi che vengono poi rilasciati a livello intestinale. Questi microrganismi fanno diminuire l’assorbimento di liquidi e nutrienti e fanno aumentare la secrezione di acqua e di liquidi causando così feci molli o liquide. La diarrea quindi va vista come una naturale difesa dell’organismo nel tentativo di liberarsi del patogeno.

La diarrea può essere vista come un cronica o episodica. Nel caso di diarrea cronica le cause principali possono essere patologie o problematiche di intolleranza alimentare, nel secondo caso invece lo sono gli sbalzi termici, i farmaci o i cambi di alimentazione.

In entrambi i casi i sintomi principali sono crampi, spasmi e dolori addominali portati dalle contrazioni della muscolatura intestinale. Inoltre, nel caso vi siano presenti virus o batteri, si ha anche uno stato di grande infiammazione della mucosa. Questo stato di infiammazione ed irritazione richiama sali minerali nel lume intestinale , i quali, a loro volta, richiamano acqua, rendendo le feci molli. Tutto ciò ovviamente porta ad una grande perdita di acqua e sali minerali, che nei casi più gravi porta a disidratazione. È quindi caldamente consigliato assumere molti liquidi e sali minerali sorseggiandoli lentamente durante i giorni di diarrea per mantenere un buono stato di idratazione. Si possono eventualmente assumere anche delle tisane ad azione antimicrobiche e astringente (ad esempio cannella, mirtillo, coriandolo, zenzero, limone). Al contrario è molto sconsigliato assumere farmaci con proprietà antidiarroiche, in quanto andrebbero a bloccare il normale meccanismo di espulsione del patogeno bloccandolo all’interno dell’organismo e permettendogli quindi di proliferare peggiorando la situazione.

Quali rimedi è quindi più opportuno utilizzare?

Principalmente è consigliato assumere una buona quantità di probiotici i quali vanno a competere con i patogeni ripristinando l’eubiosi e modulando la risposta del sistema immunitario e ripristinando la flora batterica benefica specialmente in fase acuta.

Il trattamento corretto per la diarrea è sempre quello che agisce sulle cause del problema, è efficace sui sintomi e rispetta la fisiologica funzionalità intestinale.

In caso di diarrea nervosa l’importante è capire la causa dello stress per eliminarlo ed utilizzare prodotti con azione astringente, detossinante e antimicrobica per aumentare la microflora benefica.

In caso di diarrea microbica è importante utilizzare sostanze che abbiano azione astringente, detossinante, antinfiammatoria e astringente per stabilizzare lo scambio di liquidi tra l’interno e l’esterno del lume intestinale.

Nel caso di diarrea da intolleranze alimentari è molto importante eseguire il test delle intolleranze alimentari per rilevare quale/i alimento/i sia/siano la causa del problema.

I principali rimedi che ci possono aiutare a combattere questi casi di diarrea (nervosa, microbica o da intolleranze alimentari) contengono particolari sostanze con definite proprietà. Particolare rilevanza ce l’ha l’estratto di semi di pompelmo, GSE, con le sue formidabili proprietà antibatteriche, antivirali, antimicrobiche e antiparassitarie a ampio spettro e ad azione selettiva sui patogeni inalterando la flora batterica benefica.

L’azione antimicrobica del GSE è resa ancora più rapida quando si trova ad agire in sinergia con alcuni oli essenziali quali ad esempio l’olio essenziale di Limone, con un’azione su E. Coli, S. Aureus e alcuni funghi, l’olio essenziale di Mandarino con proprietà antibatteriche, antimicrobiche e antimicotiche. Entrambi gli oli essenziali appena citati hanno anche proprietà rilassanti, antispasmodiche, antistress e contrastano la stanchezza.

In caso di diarrea nervosa, può essere utile ricorrere all’uso del Biancospino, tradizionale rimedio che funge da supporto all’organismo in caso di ansia e stress.

Ci sono anche altre piante tradizionalmente utilizzate per trovare sollievo dalla diarrea come ad esempio il Mirtillo, l’Agrimonia, l’Alchemilla, la Quercia, il Cipresso e la Ratania, tutte ad azione astringente e antinfiammatoria date dai tannini presenti in buona quantità.

Un’altra pianta molto utilizzata nei casi di diarrea è il Carrubo, una pianta ad azione antiossidante in grado quindi di proteggere la mucosa dai danni causati dai radicali liberi prodotti nel corso dei processi infiammatori e infettivi. Non mancano le proprietà astringenti e detossinanti assorbendo i liquidi e le tossine presenti nel lume intestinale. Il Baobab, infine, vanta proprietà astringenti, antinfiammatorie e di supporto alla crescita della flora microbica benefica.

Gli attivi descritti sono disponibili in ambito salutistico sia come singoli componenti sia come GSE associato agli altri attivi, racchiusi all’interno di specifiche formulazioni, ad elevate concentrazioni e ricche di polveri.